Sei pronto a prendere l'iniziativa e iscriverti alla mia newsletter ?

IL POTERE DELLE DOMANDE

DOMANDE DI QULITA' GENERANO RISPOSTE DI QUALITA'

Questo articolo è stato scritto da Hal Gregersen, direttore esecutivo del Leadership Center del MIT, ed è stato ispirato da ricerche e casi di studio contenuti nel suo nuovo libro, "Le domande sono la risposta: un approccio rivoluzionario ai problemi più fastidiosi a Lavoro e nella Vita. "

Circa 20 anni fa stavo conducendo una sessione con il mio team di brainstorming e siamo rimasti molto bloccati a discutere su un quesito con  il quale molte organizzazioni lottano: come costruire una cultura dell'uguaglianza in un ambiente dominato dagli uomini.

Rimanevano pochi minuti prima che tutti dovessero andarsene, avevamo parlato molto, ma il livello d'energia nella stanza era praticamente nullo.

Guardando l'orologio, ho deciso almeno di darci un punto di partenza per la sessione successiva. Ho improvvisato, e provai un'altro approccio "dimentichiamoci di trovare risposte migliori. Scriviamo solo le domande migliori che potremmo porre su questo problema.

Vediamo quante ne possiamo generare ". Cominciarono diligentemente a fare decine di domande. Con mio grande stupore, la stanza si riaccese rapidamente.

Invece di arrancare, la gente era eccitata, tra le domande scarabocchiate ce ne furono alcune catalitiche che sfidavano profondamente i presupposti e aprivano potenziali nuove soluzioni.

Il brainstorming di domande, non di risposte - un processo che ora chiamo " Question Burst " -  qualcosa che non avevo mai provato prima.

Nel corso degli anni, ho imparato che crea un diverso tipo di spazio in cui vengono sospese le normali regole e norme e incoraggiano comportamenti diversi.

Questo esercizio su piccola scala mi ha anche convinto che le domande rivoluzionarie non sono solo un prodotto di processi cognitivi superiori che avvengono nella testa delle persone.

È con queste impostazioni che incontriamo nuove e sorprendenti domande per aiutare a risolvere i nostri problemi più fastidiosi.

Di recente ho svolto un lavoro ho fatto coaching con il CEO di un'organizzazione mondiale.

Abbiamo iniziato con problemi tipici legati al lavoro, ma a un certo punto la discussione ha preso una piega più personale.

Il CEO ha espresso preoccupazione per la figlia maggiore, che aveva appena compiuto tredici anni. Per tutti quegli anni, aveva amato la sua stretta relazione con sua figlia, ma quando la transizione tra adolescenti diventò reale, la sentì allontanarsi.

Abbiamo deciso di fare una raffica di domande sulle sue preoccupazioni. Ecco alcune delle domande che abbiamo generato in quattro minuti

Ascolto abbastanza?
Faccio troppa pressione?
In cosa è migliore?
Lo riconosco abbastanza?
In cosa è meglio di te?
Cosa dicono i suoi occhi quando esprime preoccupazione?
Come puoi rallentare per vedere cosa ti stai perdendo?
Quali sono le sue maggiori preoccupazioni?
Quanto sai di lei?
Chi sarebbe se il suo cognome non fosse tuo?
Cosa che dipende da lei?
Quando brillano i suoi occhi?
Quali sono le sue aree di indipendenza da me?
Che cosa ha imparato di recente dalla sua esperienze?

La sua revisione delle domande in seguito si trasformò immediatamente in una profonda conversazione sul ruolo che i genitori svolgono nella vita dei figli e su come i genitori possono fare pressione mentre i bambini crescono, derubandoli dei loro sogni.

Alla fine della nostra conversazione era arrivato a un approccio di cui si sentiva bene: “si era concentrato su come non perderla, ma ora si rese conto che la vera domanda era come sostenerla facendola crescere e prosperare da sola.

Da li l' emozione prese il sopravvento, facendo piangere il CEO che aveva capito cosa fosse veramente importante per sua figlia e non per lui. 

Se sei alla ricerca di nuove intuizioni per risolvere un problema che ti interessa, potresti provare l'esercizio Question Burst.


PASSAGGIO 1: SFIDA
Seleziona una sfida a cui tieni profondamente. Forse hai subito un blocco o hai la sensazione indistinta di un'opportunità intrigante.

Come fai a sapere che risolvendo quel problema avrai una svolta, ti farai la giusta domanda di sblocco?

Alcune domande per farti capire meglio.

Nella sfera sentimentale

Mi fa battere forte il cuore?

Mi fa sentire felice?

Mi valorizza?

Nell'ambito lavorativo.

Sono troppo rigido?

Sto dedicando il giusto tempo?

Mi sento realizzato?

Quindi, invita un piccolo gruppo per aiutarti a considerare quella sfida da nuove angolazioni.

Portare gli altri nel processo fornisce una base di conoscenza più ampia e aiuta a mantenere una mentalità costruttiva.

Includi due o tre persone che sono nettamente diverse da te in termini di comprensione "interna" del problema e visione generale del mondo.

Potrebbero anche generare domande interessanti che non faresti perché non fanno parte del tuo status quo.

Con i tuoi partner riuniti, concediti solo due minuti per risolvere il problema.

Una volta che hai preso la briga di coinvolgere aiutanti volenterosi, sarebbe un peccato inquinare le loro menti con i tuoi preconcetti prima di ottenere alcun beneficio dal loro pensiero.

Prima di avviare il processo di realizzazione domande, precisa chiaramente due regole fondamentali di ingaggio.

Innanzitutto, chiedi alle persone di contribuire solo con domande. Spiega che coloro che tentano di suggerire soluzioni verranno eliminate.

In secondo luogo, spiegare che non sono ammessi preamboli di spiegazioni o dettagli brevi o lunghi, il focus è la generazione di domande.

Ora fai un rapido controllo delle emozioni. I tuoi sentimenti sulla sfida sono positivi, neutrali o negativi?

Prima di cominciare annota il tuo umore.

Lo farai nuovamente al termine della sessione.

PASSAGGIO 2: GENERARE DOMANDE
Imposta un timer e trascorri i quattro minuti in brainstorming collettivo su domande sorprendenti e provocatorie sulla sfida.

Non è consentito alcun pushback sui contributi degli altri.

Scrivi tutte le domande che si generano da tutto il gruppo.

Una volta che il tempo è finito, esegui un altro rapido controllo delle emozioni.

Sei più positivo di prima? In caso contrario, prova a rifare l'esercizio, riprova il giorno seguente, oppure provalo con persone diverse.

Ricorda che questo esercizio non solo genera nuove preziose domande, ma fornisce anche un aumento positivo delle emozioni l'85% delle volte, aumentando le probabilità che tu faccia progressi.

PASSAGGIO 3: VERIFICA LE DOMANDE
Da solo, studia le domande che hai annotato. Selezionane alcune che ti incuriosiscono e colpiscono e che differenziano per come solitamente tu ti approcci.

Alcuni criteri possono essere utili quando ci si pongono le domande: è una domanda che non mi sono mai posto prima? È una domanda che evoca una risposta emotiva, positiva o negativa?

In altre parole, sottoponi le domande a un test a sorpresa, un test di onestà.

Infine, impegnati nella ricerca - la ricerca di almeno un nuovo percorso che hai intravisto - e percorrilo come un cercatore di verità.

Metti da parte le considerazioni su ciò che potrebbe essere più comodo da concludere o più facile da implementare e concentrati invece su ciò che servirà per risolvere il problema.

Elaborare un piano d'azione a breve termine: quali azioni concrete intraprenderai personalmente nelle prossime tre settimane per trovare potenziali soluzioni suggerite dalle tue nuove domande?

L'esercizio aiuta le persone a guadagnare energia, a riformulare i problemi e a scoprire nuove soluzioni per ottenere risultati potenti e positivi per più dell' 80% delle volte, perché crea costantemente un ambiente catalitico creando domande intelligenti che portano a risposte ( (soluzioni) intelligenti.

That's it !

DOMANDE DI QUALITA' GENERANO RISPOSTE DI QUALITA'

Sei pronto ad entrare in gioco?

CONNECT WITH DENNIS

  • Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • YouTube - Grey Circle
  • Pinterest - Grey Circle

DE & CO. 

Corso Regina Margherita 

Turin Italy

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Pinterest Icon
0
Dennis zoppi logo verde  copy.png